pubblica_amministrazione_large.jpg

 

Dichiarazione di Antonio Foccillo, Segretario confederale Uil

 

Riteniamo positive le dichiarazioni della Ministra Bongiorno: le politiche economiche degli ultimi anni, basate esclusivamente sui tagli lineari nella Pubblica Amministrazione, hanno prodotto una flessione di risorse umane, culturali e finanziarie a danno dei lavoratori pubblici e dei cittadini che usufruiscono dei servizi.

Se, invece, si vuole puntare ad una migliore produttività ed efficienza, sono necessari nuovi investimenti e adeguati meccanismi di incentivazione del lavoro dei dipendenti pubblici.

Anche per questo abbiamo chiesto unitariamente un incontro alla Ministra, in previsione del Def, per valutare come rinnovare i contratti dei dipendenti pubblici che scadono a fine anno e su cui ci attendiamo presto una convocazione.

La Ministra Bongiorno ha dichiarato anche che, sulla base dei fabbisogni, si procederà alle prime assunzioni.  È quello che abbiamo sempre invocato e chiesto e per cui abbiamo lavorato in questi ultimi anni fin dall’accordo del 30 novembre 2016. La strada è stata aperta con quell’accordo che ha posto le basi per la soluzione ad una delle maggiori criticità che lo sciagurato blocco del turn over ha causato negli ultimi dieci anni. È interesse stesso della Pubblica Amministrazione e dello Stato porre fine a una condizione che, come sottolineato dalla stessa Ministra, ha limitato fortemente i servizi.

 

 

Roma 26.9.2018